FIRE presenta alla X Commissione del Senato le osservazioni sul recepimento della direttiva 2012/27/UE

Stabilizzare l’attuale quadro di incentivazione, fornendo indicazioni sulle detrazioni fiscali, dare maggiore evidenza al ruolo dell’energy manager e spingere sulla certificazione ISO 50001, alcuni punti evidenziati in aula dalla Federazione.

Roma 6 maggio 2014 – La Federazione ha presentato oggi in Senato le Osservazioni sul recepimenti della Direttiva 2012/27/UE, evidenziando come è importante spingere verso alcuni obiettivi legati all’efficienza energetica.

Il Ministero dello sviluppo economico ha già tenuto conto di una serie di suggerimenti pervenuti nel tempo da parte di FIRE e di altri portatori di interesse ponendo un’attenzione maggiore all’informazione, al monitoraggio e al controllo, e agli strumenti di mercato (diagnosi energetiche, sistemi di gestione dell’energia, green procurement, etc.).

Nel documento la Federazione sottolinea, tra l’altro, quanto sia vantaggioso collegare e subordinare le politiche di riduzione dei costi delle bollette energetiche a quelle di promozione dell’efficienza energetica e come la direttiva dovrebbe essere uno strumento utile a rendere stabile e definito il quadro complessivo di incentivazione, fornendo indicazioni in merito alle detrazioni fiscali previste per la riqualificazione degli edifici. Propone poi di estendere l’obbligo di riqualificazione del patrimonio pubblico anche agli edifici di proprietà e nella disponibilità delle Amministrazioni regionali e locali, eventualmente con obiettivi percentuali differenti.

Relativamente all’energy manager, FIRE evidenzia l’importanza di dare maggiore risalto al ruolo di tale figura professionale e maggiore spinta alla certificazione ISO 50001. Sempre sul tema della certificazione delle competenze, viene suggerito di indicare dei requisiti minimi consistenti sull’esperienza sul campo degli EGE e sulla valutazione dei requisiti delle ESCO e di aggiungere, alle voci nel testo del decreto che parlano di certificazione, il testo “certificazione rilasciata da ente terzo accreditato” o equivalente, per dare maggiori garanzie al mercato.

Scarica le Osservazioni FIRE sul recempimento della Direttiva 2012/27/UE, la Presentazione e le Risposte ai quesiti ricevuti.