Smart Info: La consapevolezza dei consumi energetici

Misurare ed essere consapevoli dei propri consumi è il primo passo da effettuare per ottenere una vera efficienza energetica, in particolare nel settore domestico. Una grande innovazione realizzata da Enel Distribuzione per i clienti del settore residenziale e per i clienti business, allacciati in BT, è lo Smart Info:

smart info

Figura 1. Smart Info

Grazie a questo dispositivo, l’utente ha accesso a una serie di informazioni (consumo istantaneo, consumo totale del mese, consumo giornaliero ecc.) che gli permettono di acquisire una maggiore consapevolezza in modo da utilizzare l’energia in modo più razionale e sostenibile. Per migliorare le proprie abitudini di consumo l’utente deve essere in grado prima di conoscerle: con questo innovativo dispositivo, connesso con il contatore elettrico, l’utente può tenere sotto controllo i propri consumi e quindi intervenire sugli sprechi migliorando il suo stile di vita. La sperimentazione dello Smart Info è stata rivolta a tutti gli utenti alimentati dalla Cabina Primaria di Carpinone, all’interno del Progetto Isernia, indipendentemente dal soggetto con cui hanno stipulato il contratto di fornitura di energia elettrica.

Nel corso dei primi sei mesi del 2013 sono state condotte delle indagini per valutare il suo impatto sui consumi, sulla consapevolezza e sul gradimento dei consumatori all’interno del Progetto Isernia. Per valutare l’impatto sui consumi si sono confrontati i dati di consumo delle utenze nel periodo di sperimentazione con quelli dell’anno precedente. Sono stati presi in esame i consumi mensili, totali e per fasce in modo da individuare le possibili riduzioni di consumi e spostamenti tra le fasce tariffarie; invece, per valutare i cambiamenti determinati dal kit sono state analizzate le curve di carico, per un ristretto gruppo di utenti, ogni quarto d’ora. Per stimare la consapevolezza, il gradimento e la persistenza di questa nuova tecnologia Enel ha commissionato tali ricerche ad un’azienda specializzata in indagini di mercato, ed hanno avuto i seguenti risultati:

  • Circa il 60% degli intervistati ha dichiarato di aver ridotto i propri consumi.
  • Circa il 90% degli intervistati ha dichiarato di aver acquisito grazie al kit maggior consapevolezza in merito ai consumi ed alla distribuzione degli stessi sulle fasce orarie;
  • Circa l’80% degli intervistati ha dichiarato di aver acquisito una maggior consapevolezza in merito ai consumi degli elettrodomestici e di aver verificato l’adeguatezza del proprio contratto di fornitura elettrica;
  • Circa l’80% degli intervistati ha dichiarato di utilizzare il kit più di una volta alla settimana, il 40% tutti i giorni o quasi.
  • I titolari di piccole attività commerciali hanno dichiarato di aver acquisito maggior consapevolezza grazie al kit e di aver sostituito macchinari e dispositivi con altri a maggiore efficienza energetica.

Dai risultati di questo questionario si evince come la reale conoscenza dei propri consumi conduce ad una maggiore consapevolezza che consente di poter intervenire in modo efficace sulle proprie abitudini e razionalizzare dunque l’energia consumata.

Si prevede che, dopo questa fase iniziale di sperimentazione, lo Smart Info possa essere reso disponibile anche agli altri utenti italiani con condizioni e modalità ancora da scoprire e definire. L’introduzione di Smart Meters nelle abitazioni è senza dubbio uno dei primi, ed importanti passi, da effettuare per intraprendere la strada che porta verso la Smart Grid.

Approfondimenti