Il mix energetico per la produzione e il consumo dell’energia elettrica

La direttiva 2003-54-CE e la successiva 2009/72/CE prevedono l’obbligo per i fornitori di comunicare il mix di combustibili utilizzati per la produzione dell’energia elettrica nell’anno precedente nonché l’eventuale disponibilità di informazioni riguardanti l’impatto ambientale in termini di emissioni di CO2 e scorie radioattive dalla produzione di energia elettrica.
A livello comunitario anche la direttiva 2009/28/CE tocca il tema del mix energetico, prevedendo l’uso della garanzia d’origine (GO) come prova dell’energia da fonte rinnovabile ceduta o acquistata, che quindi andrà a modificare il mix energetico del fornitore che la cede o l’acquista.

I consumatori devono quindi essere informati sul mix energetico utilizzato per produrre l’energia elettrica consumata. Il GSE, seguendo tali direttive, stabilisce l’obbligo per le imprese di vendita di informare i propri clienti finali della composizione del mix energetico dell’elettricità che acquistano, insieme al relativo impatto ambientale.

In tale contesto si inserisce il D.M. 31/7/2009 sui criteri e le modalita’ per la fornitura ai clienti finali delle informazioni sulla composizione del mix energetico utilizzato per la produzione dell’energia elettrica fornita, nonche’ sull’impatto ambientale della produzione, pubblicato poi in Gazzetta nel numero 196 del 25 agosto 2009.

 

Sei un socio? Effettua il login per visualizzare il contenuto