Guida contrattuale

Fondamentalmente la spesa per l’acquisto dell’energia elettrica in bolletta deriva dalla somma di tre fattori: una quota fissa annua, una componente facoltativa funzione della potenza impegnata, ed una quota variabile, dipendente dall’energia consumata, eventualmente suddivisa in fasce orarie. In tali componenti sono contenuti i costi per l’acquisto all’ingrosso dell’energia, per il trasporto ed il dispacciamento e per la commercializzazione. La maggior parte dei distributori applica poi delle penali per i prelievi di energia reattiva corrispondenti ad un cosφ inferiore a 0,9. A tali componenti vanno aggiunti gli oneri di sistema, le componenti UC e le imposte. Ogni trimestre l’Autorità aggiorna la parte variabile del costo di acquisto dell’energia sulla base dell’andamento di un apposito paniere di prodotti petroliferi.

La riduzione dei costi energetici in bolletta è possibile, da un lato tramite la conoscenza dei fattori che determinano il costo dell’energia, dall’altro grazie alla capacità di confrontare opzioni tariffarie diverse per cogliere le opportunità offerte dal mercato libero.

 

Sei un socio? Effettua il login per visualizzare il contenuto