Atti del Workshop “Enermanagement” 2011 (BO)

Bologna, 22 Novembre 2011

Nuove opportunità per le aziende attraverso l’ICT: una miniera per l’efficienza energetica.

Oggi l’ICT – Information Communication Technology – sta ricavandosi uno spazio di fondamentale importanza nel settore energetico sotto diversi aspetti:

  • il controllo dei vettori energetici: misura, supervisione e telecontrollo;
  • la gestione e ottimizzazione delle variabili energetiche: telegestione, automazione industriale e degli edifici;
  • il consumo di energia: centri di elaborazione dati (datacenter).

Nell’evento organizzato da FIRE in collaborazione con Gruppo Italia Energia, si è cercato di dare evidenza ai tre aspetti attraverso: l’esperienza acquisita da FIRE nei rapporti con gli Energy Manager, l’analisi delle norme che caratterizzano i sistemi ICT e l’esperienza delle aziende che operano direttamente sul campo.

Nella prima parte del convegno, dopo i saluti e l’introduzione di Dario di Santo, sono stati presentati due studi FIRE: uno sulle barriere all’efficienza energetica (V. Venturini) e uno sull’utilizzo dei sistemi di Telegestione e Telecontrollo in ambito ospedaliero – il caso dell’ospedale S. Andrea (M. Bramucci).

L’ing. Peruzzotti, dell’azienda R&D innovAction, ha quindi presentato delle applicazioni di controllo e gestione dei vettori energetici negli edifici residenziali, nel settore delle telecomunicazioni, dell’illuminazione di centri commerciali e del settore industriale. Un aspetto interessante emerso dall’intervento è la possibile ricaduta positiva dei sistemi TG e TC sull’innovazione di processo, grazie al miglior controllo che si acquisisce sulle catene produttive.

Il rappresentante del CEI – Comitato Elettrotecnico Italiano, ing. Bua ha illustrato poi quali sono le norme, la loro evoluzione e gli enti nazionali, europei e internazionali del settore, con particolare attenzione all’efficienza energetica e i datacenter. Sono stati indicati i gruppi di lavoro attivi sia a livello nazionale che internazionale sugli aspetti più interessanti per gli stakeholder.

L’ing. Picchiolutto ha evidenziato, invece, il ruolo che i sistemi di comunicazione, controllo e misurazione svolgono nell’implementazione dei Sistemi di Gestione dell’Energia norma ISO 50001. Nella seconda parte dell’evento le aziende sostenitrici – ABB, EGL e RSI – hanno illustrato le loro soluzioni.

ABB ha presentato la piattaforma elettronica sull’efficienza energetica di supporto alle decisioni dei clienti e un esempio di gestione automatizzata della temperatura in un edificio adibito a scuola o università.

L’azienda EGL ha illustrato le sue attività nella gestione, bilanciamento e ottimizzazione dell’energia elettrica con lo sfruttamento di sistemi di telegestione, telecontrollo e visualizzazione dei report.

L’azienda Samares ha presentato il suo sistema di supporto agli EM, sviluppato con l’efficienza energetica come primo obiettivo che permette l’ottimizzazione e gestione dei vettori energetici tramite la visualizzazione dei consumi energetici e il calcolo degli indicatori energetici KPI (Key Performance Indicators) tecnici o economici definiti dall’utente.

La società di investimento RSI s.p.a. ha chiuso i casi studio illustrando, oltre alle sue attività finanziarie, il programma di un corso di formazione sulla cogenerazione previsto il prossimo anno. Nell’ultimo intervento l’ing. Biele (FIRE) ha presentato le novità riguardanti il settore dei Titoli di Efficienza Energetica introdotte dalla delibera dell’AEEG 9/11, tra le quali l’abbassamento delle soglie minime per la richiesta della certificazione dei risparmi e l’introduzione di un coefficiente moltiplicativo che tiene conto della vita tecnica degli interventi. Nell’intervento si è posta particolare attenzione alle opportunità che offre il meccanismo nell’ambito delle tecnologie ICT.

I risultati degli studi FIRE sulle barriere all’efficienza energetica e sulle tecnologie ICT – Bramucci, Venturini

Efficienza energetica e ICT: prospettive e potenzialità – Franco Peruzzotti, R&D innovAction

La normativa tecnica di supporto: evoluzione e novità – Franco Bua, CEI

Dalla EN16001 alla ISO 50001 nel segno dell’ICT: prime esperienze – Sandro Picchiolutto, libero professionista